Playlist dei cinghiali


La playlist della settimana in libera associazione di idee, suoni e visioni.

of Montreal: “Coquet Coquette

Tanto catchy, poco arrosto. Il video fortunatamente vale l’ascolto del singolo, il disco non entusiasma, nemmeno quando spuntano Janelle Monàe e Solange Knowles (ma la Beyoncé che tanto voleva collaborare con loro?). Hissing of Montreal, are you the destroyer?

Menomena: “Killemall

Il disco della settimana. TV on the Radio e Elbow sono i primi nomi che sorridono dalla libreria ascoltando il disco. Vedremo se regge nel tempo e agli ascolti, per ora mi ha preso e non poco…

Sufjan Stevens: “Djohariah

Dopo un’infinità di b-side, rarità, soundtracks ecco che il paolotto gnocco pubblica materiale nuovo: un EP di 60 minuti; questa – “17-minute guitar jam-for-single-mothers” – è Il miracolo.

El-P: “Time Won’t Tell

Aspettando il seguito del bellissimo “I’ll Sleep When You’re Dead” del 2007 questi megamix lasciano il tempo che trovano: materiale per fan estremi e beatincalliti (ma El-P non è Madlib). Il video merita.

Kanye West: “Power” (feat. Jay-Z & Swizz Beatz)

A sorpresa un remix pauroso di Power con un trio al top. Io avrei fatto uscire questa versione come singolo che avrebbe spaccato il culo a tutti (si, c’è da dire che verso la fine perde il coperchio e sbrodola). Good ass job.

Oneohtrix Point Never: “Returnal” (Antony Fennesz Remix)

Manipolazioni d’autore sul singolo alla Knife di OPN. Remix da manifesto dei remix, astrazione da manifesto dell’astrazione. E’ una grande consolazione per i fan insoddisfatti dell’ultimo non eccelso EP di Antony: Thank You For Your Love.

Röyksopp: “Senior Living

Ma questo è un disco dei Röyksopp? La copertina si perdona, il resto no. Junior(s) che diventano muffa e noia in meno di un anno, nemmeno da Air meno ispirati di sempre. Questa e squarci altrove promossi.